Tanto lo senti…

A volte le persone le senti, percepisci chiaramente il disagio che li accompagna o la tristezza che desiderano nascondere. Le donne e gli uomini (ti) parlano sempre, basta avere il desiderio di ascoltare, di sentire il “mondo” che chiede essere visto al di là dei sorrisi di circostanza, degli sguardi sfuggenti, di una voce tremolante…Continua a leggere “Tanto lo senti…”

Specchio riflesso

La persone hanno bisogno di relazionarsi, si nutrono di incontri e co-costruiscono la propria immagine attraverso le “indicazioni” che arrivano dall’esterno. I bambini elaborano la propria identità attraverso gli incontri, gli occhi, le emozioni e le parole degli adulti significativi, quindi se quest’ultimi comunicano bellezza, valore, riconoscimento i bambini saranno convinti di emanare bellezza, diContinua a leggere “Specchio riflesso”

Metoo vs ihave

La campagna #metoo contro le molestie sessuali è da qualche settimana divenuta virale: uno “slogan” che ha l’obiettivo di sensibilizzare le persone rispetto ad una coltura della molestia che si concretizza con gesti e parole (a volte neppure esplicite) che fanno sentire le donne considerate per il fatto di essere sessuate, per essere “figa” eContinua a leggere “Metoo vs ihave”

Desiderio e Godimento

J. Lacan, psichiatra e filosofo francese (1901-1981) già alcuni decenni fa ha sottolineato la differenza tra desiderio e godimento. Le persone sono piene di desideri, di qualcosa che manca, di “vorrei”…, di “mi piacerebbe”… uomini e donne sono molto concentrati su ciò che vivono come mancanza piuttosto che sui doni che ricevono ogni giorno, regaliContinua a leggere “Desiderio e Godimento”

Fermate il mondo

“Fermate il mondo, voglio scendere!” È il titolo di un celebre film del 1970, del regista Cobelli, ma i più (maturi) ricorderanno il celebre spot del Cinar, con un Calindri seduto con un tavolino in mezzo al traffico di Roma. Se siamo sempre attivi ci sentiamo ok, se abbiamo molto da fare siamo degli uominiContinua a leggere “Fermate il mondo”

Come va?

La domanda di rito: “come va?” è una delle più emblematiche, un interrogativo al quale non sai mai davvero come rispondere. Il più delle volte lo fai dicendo “bene!” e la cosa finisce lì, come lavarsi le mani prima di mangiare, accendere l’auto prima di partire, augurare buon appetito prima di iniziare a mangiare: unaContinua a leggere “Come va?”

Padre di un figlio maschio

Essere padri è straordinariamente complicato. Se tuo figlio è un maschio proverai sensazioni ed avrai aspettative differenti rispetto ad una figlia femmina. Inevitabile. Sai che potrai giocare a palla con lui e fare la lotta, ti sentirai felice quando ti considererà un eroe e qualche anno dopo in difficoltà quando non avrà più bisogno diContinua a leggere “Padre di un figlio maschio”

Il cavalier servente

Il cavalier servente (o cicisbeo) era il gentiluomo che nel ‘700 accompagnava una nobildonna sposata a teatro ed ai ricevimenti in genere oltre ad assisterla nelle incombenze personali quali acquisti, corrispondenza, visite ecc. un uomo “al servizio di…” potremmo modernizzare. Il cavalier servente non è l’uomo zerbino, che si annulla per la propria partner edContinua a leggere “Il cavalier servente”

Un piede dentro ed uno fuori

Fabrizio è un uomo sui quarantacinque, con un divorzio alle spalle avvenuto dieci anni fa, una figlia diciottenne e due storie importanti, con Giulia e Serena. Fabrizio ha paura di soffrire per amore e pur vivendo queste ultimi due (importanti) rapporti affettivi come se fosse fidanzato non vuole assolutamente etichettare le sue relazioni: ha sposatoContinua a leggere “Un piede dentro ed uno fuori”

Cultura dello stupro!

Adesso basta! Non dobbiamo più farlo. Non possiamo più farlo. Il sesso è bello, ma solo se consenziente: una donna ha diritto di dire no in qualsiasi momento. Basta con la cultura della preda per cui, se è ubriaca sarà più facile possederla, se è straniera tra qualche giorno torna a casa e chi si èContinua a leggere “Cultura dello stupro!”