Eppure, un tempo…

Dove sono quei bambini sorridenti e liberi che eravamo? Che ne abbiamo fatto? Che ci hanno fatto? Eppure un tempo trovavamo mille motivi per sorridere alla vita ed al nostro futuro: bastava poco, una palla, qualche mattoncino oppure una bambola per essere felici, ci immaginavamo con un lavoro che realizzava i nostri sogni, con amoriContinua a leggere “Eppure, un tempo…”

Specchio riflesso

La persone hanno bisogno di relazionarsi, si nutrono di incontri e co-costruiscono la propria immagine attraverso le “indicazioni” che arrivano dall’esterno. I bambini elaborano la propria identità attraverso gli incontri, gli occhi, le emozioni e le parole degli adulti significativi, quindi se quest’ultimi comunicano bellezza, valore, riconoscimento i bambini saranno convinti di emanare bellezza, diContinua a leggere “Specchio riflesso”

Un mondo al femminile: nella valle dello Yunnan

  Immagina una società in cui il maschio è ai “margini” della famiglia e confinato a ruoli secondari. Sarà il futuro? … In una piacevole valle nello Yunnan situata ai piedi dell’Himalaya ed abitata da un’antica comunità tribale di buddisti tibetani chiamata Mosuo tutto questo è addirittura normale: qui è la nonna che siede aContinua a leggere “Un mondo al femminile: nella valle dello Yunnan”

Così eravamo…

Eravamo sempre soldati e guerrieri nei giochi di bambini. Situazioni fantastiche eppure così vere nei divertimenti dei nostri giorni assolati. E giocare tutto il giorno sul prato, e bere l’acqua fresca dei ruscelli, mangiare le more dai gelsi e rubare le ciliegie. Giorni cari andati e rimasti dentro. Il richiamo del pranzo interrompeva solo perContinua a leggere “Così eravamo…”

La rabbia

La rabbia è una delle poche emozioni primarie che possediamo, che ciascun essere umano vive al di là di razza, sesso, religione, estrazione sociale. La proviamo sin da piccolissimi quando ci arrabbiamo se non ci arriva ciò che desideriamo, quello di cui abbiamo bisogno un quel preciso momento, come il seno materno, cure, cibo. IlContinua a leggere “La rabbia”