Pensieri in una calda estate

Ancora a chiedersi dove porta e dove andrà questa vita, sono domande che non hanno mai una risposta definitiva, riflessioni attorno ad un’esistenza che a volte rincorri cercando di acciuffarla per conoscerla e capirne il senso, la direzione… Come le stagioni si susseguono uguali ma differenti e l’inverno anticipa e racchiude la primavera, momenti diContinua a leggere “Pensieri in una calda estate”

Ostaggi del passato

Vi sono persone ostaggio di avvenimenti del passato, le cui energie, i pensieri, le emozioni non sono focalizzate sul presente o utilizzate per costruire il proprio futuro ma intrappolate “in quella volta che”. Come quella volta che… mi ha lasciato ed oggi ancora sono “fissato” su lui, su lei, sul dolore e sulla rabbia cheContinua a leggere “Ostaggi del passato”

Vorrei essere…

Vorrei essere nuvola e vagare nel cielo, senza quei confini che gli uomini mettono tra ciò che appartiene loro e tutto il resto, come se davvero qualcosa ci appartenesse. Vorrei essere quella nuvola che nessuno guarda, quella che passa sopra le teste di persone pensierose che non alzano mai lo sguardo al cielo e fannoContinua a leggere “Vorrei essere…”

Riconoscersi

Queste montagne, ricamate di piante cresciute da terra umida e scura, protese fiere verso l’azzurro ed il sole. Questi luoghi, attraversati da sentieri tracciati da gente silenziosa e dalle spalle forti. E poi la roccia nuda, fredda, che si staglia verso il cielo e piano piano si sgretola. Il tempo modifica ogni cosa, per quantoContinua a leggere “Riconoscersi”

Luna di giorno

Ci sono persone che, come la luna in pieno giorno, si fanno vedere soltanto se le guardi, se hai la forza di alzare lo sguardo e fermarti ad osservarle. Loro non fanno rumore, splendono di una luce bellissima anche se riflessa, a volte illuminano il tuo ed il loro percorso se hai il coraggio diContinua a leggere “Luna di giorno”

Libera nos a malo

Giulia ha conosciuto “nella propria pelle” gli orrori dell’esistenza, di una vita a cui è sopravvissuta, cresciuta con la fame addosso in un’Italia uscita da una guerra che ha lasciato segni profondi nell’anima di più generazioni… per questo e per altri motivi, probabilmente sconosciuti anche a lei, Giulia desiderava la morte come una liberazione, unContinua a leggere “Libera nos a malo”

Mamma

Chiamami ancora, anche solo una volta, con il mio nome e guardami con quegli occhi a volte smarriti, in cui mi riconosco. Raccontami ancora la storia dell’uccello grifone, e canta quella canzone di cui ricordo vagamente le parole. Chiamami ancora per nome, che io senta che esisto, e possa ancora percepire quell’amore che non dicevi,Continua a leggere “Mamma”

Elena, Gaia, Giulia

Appoggia ancora la tua piccola testa sulla mia spalla, come fossi il luogo più sicuro dove dormire, e riscaldati del calore del mio petto, che il freddo non si posi sul tuo piccolo corpo. Stringi ancora la tua mano nella mia, con il desiderio di lasciarla e la paura di farlo, ché in fondo laContinua a leggere “Elena, Gaia, Giulia”