Elena, Gaia, Giulia

Appoggia ancora la tua piccola testa sulla mia spalla, come fossi il luogo più sicuro dove dormire, e riscaldati del calore del mio petto, che il freddo non si posi sul tuo piccolo corpo. Stringi ancora la tua mano nella mia, con il desiderio di lasciarla e la paura di farlo, ché in fondo laContinua a leggere “Elena, Gaia, Giulia”

Pensieri sparsi

A volte i pensieri sono fluidi, ti rapiscono e portano dove non pensavi di arrivare, a volte la malinconia è così pervasiva e potente che si esprime nel pianto. A volte, nelle sere autunnali, senti un vuoto che non riesci a colmare, un vuoto antico che emette un suono dolce e leggero, percepibile soltanto quandoContinua a leggere “Pensieri sparsi”

Grazie

Grazie a quello sguardo prezioso, insostituibile, che ci fa sentire degni d’amore e di esistere, a chi ti guarda attraverso gli occhi e non soltanto con gli occhi. Grazie a quelle parole senza giudizio, in cui ogni parte di te è accettata e può esprimersi. Grazie a quei silenzi pieni di significato, che si possonoContinua a leggere “Grazie”

Si fa come dico io!

Le situazioni si evolvono indipendentemente dalla nostra volontà, spesso ci troviamo dove mai avremmo pensato, sperato oppure soltanto immaginato. A volte vogliamo che la nostra vita percorra le strade che abbiamo stabilito, che le persone la pensino come noi, che accada ciò che abbiamo desiderato. È una modalità che investe molta energia per direzionare noi,Continua a leggere “Si fa come dico io!”

Sei il mio principe, la mia principessa!

Alcuni genitori eleggono i propri figli al ruolo di principe o principessa, investono emotivamente ed affettivamente in una relazione che dovrebbe essere “separante” ma che si trasforma inesorabilmente in una relazione “chiusa”, profondamente affettiva, ma di un amore che trattiene, che chiede di rimanere, desidera essere ricambiato, che crea un ambiente iperprotettivo, spesso soffocante. UnaContinua a leggere “Sei il mio principe, la mia principessa!”

Ciuccio elettronico

Da alcuni anni si assiste ad un fenomeno che vede i genitori far utilizzare il proprio smartphone ai figli, spesso anche se piccolissimi. L’obiettivo è di farli stare “buoni e tranquilli”, che lascino gustare una cena in compagnia, una chiacchierata con l’amica, la serie preferita su Netflix. Il mondo del web viene quindi sperimentato daContinua a leggere “Ciuccio elettronico”

I nostri anni (migliori?)

Chi ci ridarà i motorini truccati ed il ciao a pedali? Dove troveremo le “compagnie” in ogni angolo della città e l’odore acre della benzina della 127 di papà? Tornerà la neve a dicembre ed il velo sulla testa delle anziane in chiesa? Resteremo ancora incollati a telefilm come “spazio 1999” o “attenti a queiContinua a leggere “I nostri anni (migliori?)”

Giochi blu e giochi rosa

Parco giochi di una qualsiasi città, una panchina su cui due bambine di circa undici anni hanno predisposto un “mercatino” per vendere i propri giochi e realizzare qualche spicciolo. Matteo, un bambino di 4 anni si avvicina incuriosito e comincia ad osservare e toccare molti oggetti. Arriva ben presto la nonna, suggerendo di prendersi unContinua a leggere “Giochi blu e giochi rosa”

Lo sguardo di un padre

Lo sguardo di un padre che sorride solo perché esisti, a cui non importa cosa sei o diventerai, perché l’Amore va sempre oltre. Lo sguardo di un padre che mostra il sentiero, ti tiene per mano quando non ce la fai più a camminare e rimane a guardarti sorridendo quando il tuo passo si faContinua a leggere “Lo sguardo di un padre”

Lettera di un bambino

Lasciate che esprima la mia rabbia, mamma e papà, permettetemi di vomitare quell’indicibile angoscia da separazione che sento, di manifestare la disperazione perché a volte voi non ci siete, perché il mondo non è come vorrei… siate per me, vi prego, un “contenitore controllante” di esplosioni, aiutatemi a capire ciò che sento e perché. BastaContinua a leggere “Lettera di un bambino”