Litigo ergo sum

Vi sono persone in eterno conflitto, solitamente con un vicino di casa, un parente, un collega di lavoro… e quando qualcuno di questi, per qualsiasi motivo, esce dalla “black list” ecco che una nuova “vittima” prende il suo posto. Questi uomini o donne sono in eterno scontro per motivi che visti dall’esterno potrebbero essere banali o riguardare situazioni risolvibili ma che dal loro punto di vista sono più che validi, così da giustificare il rimanere in uno stato di “rabbia attivata” secondo il motto (necessariamente tatuato): “molti nemici, molto onore”.

Anche nelle relazioni affettive possiamo ritrovare questa dinamica: uno dei partner trova sempre un motivo per litigare, per entrare in contrasto in modo da attivare nell’altro/a sensi di colpa che chiedono perdono ed espiazione, alimentando nella “vittima” la convinzione di essere inadeguata e non degna d’amore. Tali dinamiche tengono sotto scacco entrambi i partner, perché il conflitto sistematico evoca lo spettro della rottura, di un amore che finisce, il terrore di dover rimanere da soli ma se devi resistere non puoi esistere.

Avere un “nemico esterno” dà voce, spessore, senso e identità al nemico interno che si chiama fragilità, tristezza, senso di inferiorità, angoscia, stato depressivo, in un’ottica circolare di dominato e dominatore, in una visione up-down.

Pubblicato da wolf into the wild

"Questo è un uomo" è un libro che è un viaggio dentro l’autenticità dell’essere maschio, un cammino in cui la meta è, in qualche modo, il punto di partenza. Un percorso per ritrovare il guerriero, il saggio, il poeta e l’amante che vive inesorabilmente dentro ogni uomo ma che negli ultimi decenni abbiamo smarrito. Comprendere, accettare, ripartire dagli archetipi più profondi e radicati per comprendere ciò che siamo oggi ed essere consapevoli della nostra essenza, così distante rispetto alle aspettative di una società femminilizzata, in cui (ri)trovare identità e senso al proprio essere Uomo diventa davvero complicato. Buon cammino.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: