Il figlio che non voglio

Giuseppe è padre di un bambino a cui è appena stato diagnosticato un disturbo dello spettro autistico. La diagnosi diventa per alcuni genitori la parola “fine” alle speranze che in fondo il figlio sia solo un po’ in ritardo sulle tappe evolutive, magari “pigro” nel linguaggio, oppure che abbia dei tempi differenti rispetto ad una crescita “tipica”.

Giuseppe non riesce ad accettare che il primogenito maschio non sia come lo immagina, non possa avere una vita “normale”, un futuro di cui essere fiero.

Quest’uomo reagisce con rabbia a questa genitorialità che lo rende profondamente triste ed in cui scorge un rischio depressivo, che si manifesta con sentimenti di rabbia al lavoro, con le maestre dell’infanzia della scuola frequentata dal figlio e naturalmente in casa, mettendo a rischio anche la sua relazione coniugale. Un’emozione distruttiva che diventa antidoto ad una “perdita di aspettative” che rischia di colorare di nero i giorni, gli affetti, le emozioni.

Rabbia ed irritabilità permettono a Giuseppe di “vomitare” all’esterno di sé la delusione cocente per un figlio che non vuole ma a cui “deve” voler bene, ad oggi vive questa ambivalenza tra un “naturale” amore paterno ed il desiderio di andarsene, stare per conto suo, allontanarsi da questo figlio.

Pubblicato da wolf into the wild

"Questo è un uomo" è un libro che è un viaggio dentro l’autenticità dell’essere maschio, un cammino in cui la meta è, in qualche modo, il punto di partenza. Un percorso per ritrovare il guerriero, il saggio, il poeta e l’amante che vive inesorabilmente dentro ogni uomo ma che negli ultimi decenni abbiamo smarrito. Comprendere, accettare, ripartire dagli archetipi più profondi e radicati per comprendere ciò che siamo oggi ed essere consapevoli della nostra essenza, così distante rispetto alle aspettative di una società femminilizzata, in cui (ri)trovare identità e senso al proprio essere Uomo diventa davvero complicato. Buon cammino.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: