Era solo uno gioco…

Emma, Matteo ed Eleonora sono tre bambini di nove anni che giocano spesso assieme. Una sera la mamma di Eleonora chiede loro di rimanere per un pigiama party a cui sono presenti anche Max, il fratello più grande di Eleonora e la sua coetanea Sonia, di circa 12 anni.

Ad un certo punto Sonia propone il gioco chiamato “obbligo o verità” e ad Emma viene chiesto di “sottostare” all’obbligo di permettere a Max di toccarle un seno. Questo accade per due volte, nonostante la bambina si lamenti che le fa male e poi la sera stessa riferisca ai propri genitori l’accaduto. Questi ultimi si recano a casa dei genitori di Max ed Eleonora per esprimere il loro disappunto rispetto all’accaduto pretendendo la richiesta di scuse da parte del ragazzino, ma la madre sostiene che Max non deve scusarsi, che in fondo era soltanto un gioco…

… è proprio da qui, da un genitore che difende il figlio perché “non ha fatto nulla di male”, che nasce il sessismo di genere, la mascolinità tossica che poi ritroviamo nei piccoli gesti quotidiani disseminati nella quotidianità delle donne.

È proprio questa modalità, esattamente questi “valori” che ritroviamo in ufficio quando qualcuno “per gioco” tocca il culo alla collega, quando qualcun altro “per gioco” prende in giro la responsabile definendola “culona inchiavabile”, quando il collega ti parla guardandoti le tette e non gli occhi…

Iniziamo da noi, genitori e padri, a dire: no! A dire: non è un gioco… a chiedere scusa, a cambiare la cultura della sopraffazione ed i relativi comportamenti.

Possiamo, dobbiamo farlo!

Pubblicato da wolf into the wild

"Questo è un uomo" è un libro che è un viaggio dentro l’autenticità dell’essere maschio, un cammino in cui la meta è, in qualche modo, il punto di partenza. Un percorso per ritrovare il guerriero, il saggio, il poeta e l’amante che vive inesorabilmente dentro ogni uomo ma che negli ultimi decenni abbiamo smarrito. Comprendere, accettare, ripartire dagli archetipi più profondi e radicati per comprendere ciò che siamo oggi ed essere consapevoli della nostra essenza, così distante rispetto alle aspettative di una società femminilizzata, in cui (ri)trovare identità e senso al proprio essere Uomo diventa davvero complicato. Buon cammino.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: