Sono un ingenuo!

Il recente articolo del direttore di Libero Feltri sul caso della ragazza violentata più e più volte durante e dopo una festa organizzata nella villa di Genovese evidenzia un “ragionamento” condiviso sicuramente da molti: “chi topo si fa, gatto se lo mangia!”.

La ragazza (vittima) viene definita un’ingenua e quindi colpevole di superficialità nel partecipare ad una festa a base di coca e sesso.

Se la vittima è colpevole (anche solo di ingenuità) ha ragione chi truffa anziani, insufficienti mentali… ha ragione chi se ne approfitta dei più deboli per avere dei vantaggi economici, sessuali.

Ha ragione il datore di lavoro a chiedere prestazioni sessuali in cambio di un contratto a tempo indeterminato, ha ragione chi approfitta della posizione di potere per avere favori, ha ragione chi picchia il più debole fisicamente, ha ragione il “bullo”.

Qualcuno giustamente dice che in un rapporto sessuale finché non c’è un “sì” esplicito si tratta di violenza.

Eppure ci sono dei sì “strappati”, condizionati da situazioni che si creano ad arte per arrivare ad un “consenso”, ci sono dei sì di accondiscendenza, dei sì di dovere, dei sì di “necessità”, dei sì…

Il consenso sessuale dovrebbe essere spontaneo, autentico, libero e condiviso altrimenti è sempre, in qualche modo, violenza.

Pubblicato da wolf into the wild

"Questo è un uomo" è un libro che è un viaggio dentro l’autenticità dell’essere maschio, un cammino in cui la meta è, in qualche modo, il punto di partenza. Un percorso per ritrovare il guerriero, il saggio, il poeta e l’amante che vive inesorabilmente dentro ogni uomo ma che negli ultimi decenni abbiamo smarrito. Comprendere, accettare, ripartire dagli archetipi più profondi e radicati per comprendere ciò che siamo oggi ed essere consapevoli della nostra essenza, così distante rispetto alle aspettative di una società femminilizzata, in cui (ri)trovare identità e senso al proprio essere Uomo diventa davvero complicato. Buon cammino.

5 pensieri riguardo “Sono un ingenuo!

  1. Questo è un gravissimo problema che c’è nel nostro Paese. Molte volte le persone rendono a colpevolizzare la vittima per non quale assurda ragione. La cosa peggiore è quando la vittima è una donna. In quei casi il nostro paese dimostra quanto sia tremendamente e tristemente maschilista.

    Piace a 3 people

    1. Si. C’è molta strada da fare, ma sono fiducioso, rispetto a qualche decennio fa la cultura è cambiata e stiamo andando nella giusta direzione. Mettiamoci la faccia. 🙂

      Piace a 1 persona

  2. Che padre imbarazzante…che giornale, questo…
    Una mentalità difficile da estirpare, prima si vergognavano almeno di esprimere certe “idee” ora…pare una gara

    Stiamo andando nelle giusta direzione? ……………………………………
    Sarebbe ora

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: