Io non sono questo qui, sono quello lì.

idealizzazione di se

Gianni è un imprenditore “di successo” di poco più di 50 anni, frequenta ambienti “di prestigio”, opera nel settore della moda ed è percepito come un “personaggio”: si veste come un dandy, barba e capelli fluenti. Terza generazione di imprenditori del settore ha un padre amante dell’arte e si circonda di persone possibilmente appartenenti al “jet set” …

Gianni si è aggrappato ad un’immagine di sé idealizzata che sorregge la sua fragile identità, di conseguenza ha tagliato da anni i ponti con gli amici di infanzia, quelli che conoscono la sua storia, il passato di ragazzo del tutto “normale”, con le difficoltà che ciascuno porta con sé, con le ferite che ogni uomo si ritrova addosso, con le rughe che qualcuno nasconde e qualcun altro vive come parte imprescindibile di sé.

Da molti anni il suo “avatar” ha completamente nascosto il Gianni che non accettava il suo essere straordinariamente mediocre, come se dovesse dimostrare (ma a chi?) di essere speciale, di essere più che degno erede di uomini straordinari.

Pubblicato da wolf into the wild

"Questo è un uomo" è un libro che è un viaggio dentro l’autenticità dell’essere maschio, un cammino in cui la meta è, in qualche modo, il punto di partenza. Un percorso per ritrovare il guerriero, il saggio, il poeta e l’amante che vive inesorabilmente dentro ogni uomo ma che negli ultimi decenni abbiamo smarrito. Comprendere, accettare, ripartire dagli archetipi più profondi e radicati per comprendere ciò che siamo oggi ed essere consapevoli della nostra essenza, così distante rispetto alle aspettative di una società femminilizzata, in cui (ri)trovare identità e senso al proprio essere Uomo diventa davvero complicato. Buon cammino.

5 pensieri riguardo “Io non sono questo qui, sono quello lì.

    1. Sì, vero, anche se in questo caso è una proiezione narcisistica patologica, una “scissione” tra ciò che sono e ciò che vorrei essere, ciò che gli altri vogliono vedere di me…

      Piace a 1 persona

    1. 🙂 uno, nessuno, centomila… l’importante è che il nostro vero sè abbia la possibilità di esprimersi, di manifestarsi, solo così ci si sente integrati, coerenti tra ciò che il nostro corpo esprime, le nostre emozioni, i nostri pensieri e ciò che manifestiamo all’esterno…

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: