Meno Cronos e più Kairos

kairos.jpg

Kairós e krónos erano i significati che i Greci attribuivano al tempo: uno qualitativo e l’altro quantitativo, il tempo vissuto ed il tempo che ci attraversa, trascorre senza lasciare tracce.

I pitagorici rappresentavano Kairós con il numero sette, che ha molteplici significati (giorni della settimana, note musicali ecc.).

I Greci erano un popolo spirituale ed estetico, per loro la vita aveva senso soltanto se vissuta nel modo giusto, opportuno (Kairós) ed onorevole, in grado di dare un significato alla propria esistenza, mentre per il Cristianesimo qualsiasi vita è degna di essere vissuta, in senso assoluto.

Possiamo quindi spiegare il significato del motto delfico «Conosci te stesso» con: conosci qual è il tuo ruolo nell’ordine naturale delle cose, Ulisse infatti cerca disperatamente di tornare a casa perché la sua vita è vita solo lì: vivere altrove sarebbe peggio della morte, non sarebbe Kairós.

 

E’ forse il senso della nostra esistenza che abbiamo smarrito?

Pubblicato da wolf into the wild

"Questo è un uomo" è un libro che è un viaggio dentro l’autenticità dell’essere maschio, un cammino in cui la meta è, in qualche modo, il punto di partenza. Un percorso per ritrovare il guerriero, il saggio, il poeta e l’amante che vive inesorabilmente dentro ogni uomo ma che negli ultimi decenni abbiamo smarrito. Comprendere, accettare, ripartire dagli archetipi più profondi e radicati per comprendere ciò che siamo oggi ed essere consapevoli della nostra essenza, così distante rispetto alle aspettative di una società femminilizzata, in cui (ri)trovare identità e senso al proprio essere Uomo diventa davvero complicato. Buon cammino.

4 pensieri riguardo “Meno Cronos e più Kairos

  1. Ecco, guarda, io ci rifletto sempre un casino su questo. E il mio è un continuo cercare proprio questo Kairos, cercare di capire, dare un senso… ma io non sono Ulisse, poco ingegno … non so mai dove tornare

    Piace a 1 persona

  2. …la conoscenza cambia la percezione dei propri limiti…essi sono più simili a membrane che cesure…qualche volta ce ne accorgiamo, qualche volta no…se si desidera, si impara…

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: