Padri, dove siamo?

padre e figlio.jpg

Il recente caso della violenza sessuale di Viterbo, iniziata con un pugno in faccia, ha (tra i molteplici aspetti terribili) uno sul quale è doverosa una riflessione: l’assenza del Padre.

I due ragazzi hanno (naturalmente) filmato l’accaduto, perché se non lo testimoni con foto o filmati non è avvenuto, non lo puoi condividere con gli amici, non ti puoi vantare.

Ebbene, il padre di uno dei due stupratori appena ha saputo dell’accaduto si è schierato dalla parte del figlio carnefice suggerendogli di cancellare tutto per non lasciare traccia e sostenere in caso di accusa l’antica e vigliacca tesi che “lei era consenziente”.

Il Padre è colui che ha il compito di spiegare al figlio il mondo, quali le regole delle convivenza civile, quali le conseguenze dei nostri errori… ma se il padre “copre” ogni trasgressione del figlio, cosa dovranno fare questi giovani prima che qualcuno gli dica (finalmente!) no!?

I maschi hanno una profonda nostalgia di un padre che detti, rispetti e faccia rispettare le regole che le civiltà si impongono. Qualcuno ha parlato di “sindrome di Telemaco”, il figlio di Ulisse che per molti anni ha aspettato il Padre capace di riportare ordine morale sulla propria vita e nel proprio regno.

Senza i Padri i ragazzi si sentono smarriti e senza limiti, angosciati da un territorio senza sentieri segnati, senza stella polare o punti cardinali.

Riprendiamoci i nostri figli, insegnando con l’esempio che si paga per i propri errori, il rispetto per l’Altro, sia donna, animale, territorio, omosessuale… Schieriamoci dalla parte di ciò che giusto e non sempre dalla loro…

Facciamo sentire la nostra voce, la nostra presenza!

Pubblicato da wolf into the wild

"Questo è un uomo" è un libro che è un viaggio dentro l’autenticità dell’essere maschio, un cammino in cui la meta è, in qualche modo, il punto di partenza. Un percorso per ritrovare il guerriero, il saggio, il poeta e l’amante che vive inesorabilmente dentro ogni uomo ma che negli ultimi decenni abbiamo smarrito. Comprendere, accettare, ripartire dagli archetipi più profondi e radicati per comprendere ciò che siamo oggi ed essere consapevoli della nostra essenza, così distante rispetto alle aspettative di una società femminilizzata, in cui (ri)trovare identità e senso al proprio essere Uomo diventa davvero complicato. Buon cammino.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: