Ciao, Piccola!

principe che salva.jpg

A molte donne piace essere chiamata “piccola”, gli uomini lo sanno e spesso si giocano questa “carta seduttiva”. Molte volte funziona.

Uno degli archetipi maschili più culturalmente potenti è quello dell’uomo “protettore”, che si prende cura. Lo abbiamo sentito più volte nelle fiabe, il guerriero potente e forte che difende la sua “piccola” fanciulla, che indifesa viene vessata, svalutata o maltrattata da un padre padrone, da un “bruto” che ha messo gli occhi su di lei, da una matrigna malvagia e distaccata.

Io ti salverò, io mi prenderò cura di te, “piccola mia”…

Il rischio è quello di attivare una relazione genitore – bambino in cui il maschio fa sia il padre amorevole che difende ed accoglie ma anche normativo che decide (per te) cosa devi fare, come lo devi fare… Io mi prendo cura di te, ma tu fai quello che voglio io.

Ci sono donne che non hanno bisogno del principe azzurro, che si sentono complete ed autonome anche senza qualcuno che le prenda in braccio e le accompagni in un castello dove vivere per sempre… donne che non hanno bisogno di un uomo per essere felici.

L’amore “adulto” invece si confronta alla pari, non c’è un “piccola” ed un “grande” ma un io, un te, l’amore adulto si nutre di libertà, di ascolto, di autenticità, di non-giudizi, un “luogo” dove le persone si sentono libere di esprimersi e di mostrarsi, in cui l’accoglienza non è prigione, ed il castello ha sempre le porte aperte.

Pubblicato da wolf into the wild

"Questo è un uomo" è un libro che è un viaggio dentro l’autenticità dell’essere maschio, un cammino in cui la meta è, in qualche modo, il punto di partenza. Un percorso per ritrovare il guerriero, il saggio, il poeta e l’amante che vive inesorabilmente dentro ogni uomo ma che negli ultimi decenni abbiamo smarrito. Comprendere, accettare, ripartire dagli archetipi più profondi e radicati per comprendere ciò che siamo oggi ed essere consapevoli della nostra essenza, così distante rispetto alle aspettative di una società femminilizzata, in cui (ri)trovare identità e senso al proprio essere Uomo diventa davvero complicato. Buon cammino.

6 pensieri riguardo “Ciao, Piccola!

  1. Una donna può essere pure felice senza un uomo , ma rimarrà pur sempre incompleta, fino a che non avrà un Uomo che l chiamerà piccola e Donna,mia..e fino a che non avrà un Uomo da poter chiamare Amore

    "Mi piace"

  2. Grazie Mauro.
    Sembra la mia storia.
    Hai perfettamente centrato il punto.
    Mi sento di aggiungere il bisogno, la necessità di includere in quell’amore adulto, come giustamente lo chiami, il padre che mi ha generata e il principe che mi ha “salvata”. Allora sì che mi sentirò pronta per una relazione alla pari, soprattutto con me stessa.
    Un abbraccio
    Anto

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: