Un piede dentro ed uno fuori

Fabrizio è un uomo sui quarantacinque, con un divorzio alle spalle avvenuto dieci anni fa, una figlia diciottenne e due storie importanti, con Giulia e Serena.

Fabrizio ha paura di soffrire per amore e pur vivendo queste ultimi due (importanti) rapporti affettivi come se fosse fidanzato non vuole assolutamente etichettare le sue relazioni: ha sposato la sua libertà e quindi guai a dire che una donna è la sua fidanzata.

Fabrizio non ha fidanzate, ma solo persone che frequenta, con legami che non sono assolutamente vincolanti: ha deciso infatti di stare con un piede dentro ed uno fuori e vivere in questo modo le sue storie d’amore ma, come è prevedibile, anche la paternità, le amicizie.

 

Nel film “heat, la sfida” con Al Pacino (nel ruolo del detective) e Robert De Niro (un abilissimo ladro sempre in fuga ed attento a non lasciare traccia) ad un certo punto il rapinatore sostiene che nella vita è davvero fondamentale (per il “lavoro” che fa) non avere vincoli: “non fare entrare nella tua vita niente da cui non ti possa sganciare in trenta secondi se senti puzza di sbirri dietro l’angolo” e questa sembra essere l’aforisma preferito da Fabrizio: vuole tenere la via di fuga sempre aperta e sgombra da intralci.

 

Stare “a metà” nelle relazioni significa viverle senza dolori ma anche in assenza di gioie, sperimentare legami affettivi senza mai farsi destabilizzare, senza il coraggio di volare per la paura di cadere e farsi male.

L’angoscia di soffrire per la fine di una storia d’amore influenza pesantemente ogni sua scelta, sarebbe come non prendere l’auto per paura di un incidente, non camminare sui sentieri di montagna per non affrontare il rischio di cadere o rinunciare a nuotare nel mare cristallino per evitare il rischio di annegare.

 

C’è la sensazione di continua insoddisfazione che traspare dallo sguardo di Fabrizio, una vita senza slanci emotivi ed affettivi, in cui le emozioni sono ovattate e solo apparentemente “lievi”, in una situazione in cui la rabbia non è mai autentica e potente, la gioia mai incontenibile, il dolore mai così profondo da avere la sensazione quasi di morire.

Pubblicato da wolf into the wild

"Questo è un uomo" è un libro che è un viaggio dentro l’autenticità dell’essere maschio, un cammino in cui la meta è, in qualche modo, il punto di partenza. Un percorso per ritrovare il guerriero, il saggio, il poeta e l’amante che vive inesorabilmente dentro ogni uomo ma che negli ultimi decenni abbiamo smarrito. Comprendere, accettare, ripartire dagli archetipi più profondi e radicati per comprendere ciò che siamo oggi ed essere consapevoli della nostra essenza, così distante rispetto alle aspettative di una società femminilizzata, in cui (ri)trovare identità e senso al proprio essere Uomo diventa davvero complicato. Buon cammino.

2 pensieri riguardo “Un piede dentro ed uno fuori

  1. Bellissimo articolo.
    Negli ultimi tempi stiamo assistendo a un distacco generale dall’amore, uomini e donne compresi. C’è più percezione del rischio, c’è più paura e più voglia di dare una stabilità alla propria esistenza. L’amore sembra quasi un elemento disturbante, e a volte lo è.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: